salta al contenuto
FACEBOOKRSS / stampa pagina [a] | mappa del sito [m] | naviga da tastiera [0]
Home / Conoscere Bruino / Storia

Storia

Passeggiare attraverso i secoli della memoria è un'avventura anche a Bruino.

Pur non annoverando nei suoi annali vicende di grande rilievo, Bruino ha infatti sviluppato un proprio percorso storico, caratterizzato da fatti ed eventi peculiari che, nel tempo, ne hanno contraddistinto il profilo.

Le numerose testimonianze documentali ed archivistiche hanno concesso agli studiosi di ricostruire secolo per secolo ciò che è accaduto nella Comunica locale bruinese, a partire, però, dall'anno 1000 in avanti.

Il "prima" si può soltanto ipotizzare. Tuttavia alcuni elementi di macrostoria consentono di ritenere credibile che il Villaggio di Bruino sia nato come insediamento Longobardo, intorno al 600 d.C., visto che la radice longobarda "BR" permane nel toponimo locale e visto che nel territorio del ducato di Torino sorsero molteplici borghi rurali, lungo fiumi e torrenti. Ulteriore credibilità a questa tesi è data dal nome della prima famiglia feudataria bruinese, i Braja, i quali derivano il loro nome direttamente dal germanico antico "Breit", italianizzato in Braja.

Dopo la discesa dei Franchi in Italia, è necessario giungere sino al 996 d.C. per vedere pubblicato il cosiddetto "Diploma Ottoniano", dal nome del Sovrano Germanico Ottone III di Sassonia, e nel quale sono indicati per la prima volta, con precisione, i nomi dei luoghi, dei territori e dei possessi. 

Con il Diploma Ottoniano veniva peraltro sancito il potere dei Vescovi-Conti. Un trasferimento di potere piuttosto importante e che determinò nel 1006, l'attribuzione da parte del Vescovo Gezone a favore del Monastero di San Solutore, della chiesa e del luogo di Bruino, in quanto dipendenti dalla Pieve - Corte di Sangano. Il signore della Corte era l'Abate e a lui erano dovuti tributi ed omaggi: il popolo lavorava le terre e giurava fedeltà all'Abate come unico Dominus.

Intorno all'anno 1000, pertanto, Bruino si configurava come piccolo Borgo radunato intorno ad una piccola Chiesa, direttamente dipendente dall'Abbazia di San Solutore. Nell'ambito della Corte cominciarono cosi a nascere piccoli gruppi di persone a cui era concesso, in enfiteusi, un appezzamento di terra da lavorare, con tanto di norme, leggi e organizzazione del lavoro.

Ma i sommovimenti politici finalizzati ad ottenere il potere sui grandi territori dell'odierno Piemonte stavano per iniziare.

Protagonisti assoluti delle contese per il possesso della terra furono i Savoia Moriana. Lotte e battaglie durarono per circa un secolo e si avvicendarono a politiche di avvicinamento per l'acquisizione graduale del potere fino ad arrivare al duecento, secolo in cui i Savoia divennero i dominatori dei territori dell'odierno Piemonte, ponendo fine alla supremazia ecclesiastica e godendo dell'ufficialità inviolabile del Sacro romano Impero.

È del 1252 uno degli atti formali più rilevanti per Bruino. Si tratta del Diploma Imperiale di Guglielmo II d'Olanda, con cui venne donato al Conte Tommaso II di Savoia il Feudo di Bruino. E ai Savoia prestarono giuramento le prime due famiglie locali bruinesi: I Braja e i Drò. Nel Diploma del 1252, inoltre si fa cenno anche all'esistenza a Bruino, di un Castello, antico e diroccato che fa comprendere che esistesse già in precedenze una vera e propria casaforte rurale, attorno alla quale si svolgeva la vita del Borgo.

Il XIV Secolo fu dunque contraddistinto dall'esercizio del potere feudale concesso alle famiglie signorili locali, protette dai Savoia. In particolare le famiglie bruitesi godevano delle prerogative feudali del territorio, del castello e della giurisdizione, che si rafforzarono nel corso del tempo, sino a far acquisire alle famiglie detentrici dell'imperium locale, una vera e propria signoria, che acquisisce la prerogativa di "nobiltà" già nel 1327.

Nel 1348, invece, comincia ad acquistare importanza anche un'altra famiglia, i Borghesi, che entrarono in possesso, per vendita e per eredità di alcune pezze territoriali di Bruino e divennero gli assoluti protagonisti delle vicende feudali locali, insieme all'altra famiglia dei Canali, nonché alle minori dei Bararis e dei Piossasco.
Il "Consegnamento" del 1458 è un altro atto importante che descrive, nel dettaglio, tutti i beni oggetto del possesso feudale del vassallo, il quale dichiarava al proprio Signore (il Conte di Savoia) quali erano le proprietà.

Da tale atto è stato possibile evincere che Bruino era un luogo tranquillo, in cui la gente era dedita al lavoro soprattutto agricolo, ma anche artigianale. A tal proposito le cronache ricordano il primo artigiano di Bruino: si chiamava Giovanni Tauri e si occupava di confezionare abiti di fustagno.

I cristiani di Bruino, invece, pregavano nelle chiese di Santa Maria e San Martino, governate entrambe da un rettore, direttamente dipendente dall'Abbazia di Rivalta, acquistata nel lontano 1264 dall'Ordine cistercense, il quale si insediò anche a Bruino, nella Cascina Lora (il cui nome deriva dalla contrazione del motto benedettino "Ora et Labora"). 

Il 1500 fu invece il secolo della dominazione francese nei territori piemontesi e della successiva restaurazione del dominio sabaudo, operata dal Duca Emanuele Filiberto di Savoia. Nelle sue battaglie condotte nelle Fiandre, il Duca ebbe modo di apprezzare la fedeltà ed i servigi di un proprio subalterno, Giuliano de Olmos y Bexar, che fu premiato dallo stesso Emanuel Filiberto e divenne Signore del Luogo di Bruino con la donazione del 5 agosto 1568.

Fu quest'ultimo ad acquistare tutte le restanti porzioni del feudo locale, frammentate ed in mano a singole famiglie, come i Bertone, i Bertollero o gli Scozia, divenendo così il primo ed unico Signore con autorità monocratica e a tutto campo.

E anche il Feudo dì Bruino, cominciò ad organizzarsi come Comunità, in modo tale cioè da prestare fedeltà al proprio Signore, ma nel contempo acquisire un ruolo nell'esercizio delle funzioni amministrative del luogo, rivestendo funzioni come quelle dei camparì, estimatori, computatori o messi comunali. In questo periodo fu peraltro costruita la torre del castello.

Giuliano de Olmos, nel 1577, si sposò con Isabella Berthoud de Malines, rampolla fiamminga di stirpe regia, ed ebbe con lei la figlia Filiberta. Questa si sposò con il famoso Carlo della Rovere, dei signori della Rovere, che nel periodo della sua Signoria su Bruino, edificò l'attuale chiesa di San Martino, nella Piazza del paese.
Filiberta, tuttavia, premori alla madre senza lasciare alcun figlio e pertanto non poté essere continuata la stirpe dei Della Rovere, mentre ebbe inizio la lunga e ricca storia dei Malines, i quali attraversarono indenni oltre duecento anni di storia senza essere scalfiti, nè dalla terribile peste del 1630, nè dalle battaglie contro i Francesi di Catinat (Battaglia della Marsaglia del 1693), nè dalle invasioni straniere.

I Malines si insediarono nel castello (ove ancora oggi è possibile vedere lo stemma scolpito nel marmo) e amministrarono Bruino nel bene e nel male, promulgando anche i Bandi Campestri del 1758, ovvero una raccolta di 154 leggi e disposizioni emesse dal Signore feudale, che regolavano la vita di tutti i giorni dei Bruinesi. Alla fine del settecento, gli echi della Rivoluzione Francese non tardarono a farsi sentire anche in Piemonte, e l'ottocento si aprì con la conquista dei territori piemontesi da parte dei Francesi, che nel 1804 decretarono la fine della feudalità ed eressero l'albero della libertà anche a Bruino, che divenne così dapprima Comune della Repubblica Cisalpina e successivamente, con l'avvento di Napoleone, comune dell'impero di Francia.

Negli atti di Stato Civile di Bruino è ricordato un Bruinese che nel dicembre del 1805 morì nella Battaglia di Austerlitz, caduto servendo il vessillo francese, accanto a Napoleone, contro gli Imperatori d'Austria e Russia.

La restaurazione sabauda prese l'avvio dalla ridefinizione dei confini territoriali dei Regni e degli Imperi, dopo il Congresso di Vienna dei 1815. Ai Savoia tocco rifondare il Regno di Sardegna, ma era in agguato il "48".

I Moti popolari e le Guerre d'Indipendenza si conclusero con la nascita dei Regno d'Italia e l'Unità del 1861. 

Bruino pertanto divenne Comune del Regno d'Italia e vide la costruzione di importanti opere sui proprio territorio, nei settore dei trasporti, delle opere pubbliche e della viabilità. Tra esse, la costruzione della Strada Susa Pinerolo, la costruzione della Ferrovia "Torino - Orbassano - Giaveno" e la canalizzazione delle acque potabili.
Il 27 maggio 1883 il trenino arrivò per la prima volta a Bruino, trainato dalla locomotiva a vapore, simbolo della modernità: la "scionfetta" o caffettiera.

Nell'età giolittiana dei primi anni dei novecento, Bruino poté contare sulla capacità amministrativa del Sindaco Paolo Bey, che resse il Comune dal 1906 ai 1925. Le Guerre Mondiali e la Resistenza costituirono le ultime tappe della lunga Storia di Bruino, prima che il Comune, alla fine degli anni '60 cominciasse la propria radicale trasformazione, divenendo un paese di quasi ottomila abitanti e rientrando nell'area metropolitana torinese.

PRIVACY | SOCIAL POLICY | NOTE LEGALI | CREDITI

COMUNE

Sindaco
Giunta
Consiglio
Segretario comunale
Regolamenti
Contatti
Protezione Civile
Video & Streaming
Free Piemonte Wi-Fi
Associazioni
Numeri utili
Siti tematici

CONOSCERE BRUINO

Stemma e Gonfalone
Statuto
Storia
Informazioni utili
Album fotografici
Festa patronale
Cosa vedere
Sport e tempo libero
Bruino su wikipedia

UFFICI E SERVIZI

Anagrafe
Ambiente, Rifiuti ed Energia
Artigianato
Biblioteca comunale
Casa
Centro giovani
Coordinate bancarie e postali
Commercio area pubblica
Commercio sede fissa
Edilizia privata
Farmacia comunale
I.M.U.
IRPEF
ISEE
Lavori pubblici
Mercatone
Micro Nido di Bruino
Moduli on-line
Newsletter
Nidi in famiglia
Polizia locale
Refezione scolastica
Scuolabus
Scuole e asili nido
Segreteria del Sindaco
Servizi Informativi
Servizio civile volontario
Sportello catastale
Sportello Unico Edilizia
S.U.A.P.
Stato Civile
TARI
TASI
T.O.S.A.P.

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

Disposizioni generali
Organizzazione
Consulenti e collaboratori
Personale
Bandi di concorso
Performance
Enti controllati
Attivitá e procedimenti
Provvedimenti
Controlli sulle imprese
Bandi di gara e contratti
Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici
Bilanci
Beni immobili e gestione patrimonio
Controlli e rilievi sull'amministrazione
Servizi erogati
Pagamenti dell'amministrazione
Opere pubbliche
Pianificazione e governo del territorio
Informazioni ambientali
Strutture sanitarie private accreditate
Interventi straordinari e di emergenza
Altri contenuti

VARIE

Albo Pretorio
A.S.L. TO3 Bruino

Cittá per camminare
Comuni per la pace
M.A.I.S.
Servizio MeBUS
Archivio news
InformaLavoro

Comune di Bruino (TO)
piazza Municipio 3
10090

Email
comune@comune.bruino.to.it

P.E.C.
comune.bruino.to@cert.legalmail.it

P.E.C. Polizia Locale
polizialocale.bruino.to@legalmail.it

Assistenza tecnica e accessibilità
sitoweb@comune.bruino.to.it

Informazioni e contatti rapidi

P.IVA 02777470010

COD. FISC. 86003310017

Centralino: +39 011 9094411

Fax: +39 011 9084541

Polizia locale: +39 011 9084060

Polizia locale: +39 335 5654043

SUAP: +39 011 9094421

Numeri utili

Moduli on-line

Archivio news

InformaLavoro

Accessibilità

Rapporto di conformitá

CSS Valido!

HTML5 Valido!

 

Trasparenza

Bussola della Trasparenza

Istituzioni

Regione Piemonte

Città Metropolitana di Torino

 

Wi-Fi gratuito

Free Piemonte Wi-Fi



TORNA SU